Dott. Adriano Rabiolo Fisioterapista Logo Dott. Adriano Rabiolo Fisioterapista Studio

L'osteoartrosi di ginocchio, trattamento fisioterapico vs cortisone | Dott. Adriano Rabiolo | Fisioterapista

L’osteorartrosi di ginocchio, rappresenta una delle causa più importanti di disabilità e di dolore al ginocchio in pazienti anziani e non. Viale Sicilia, 126 Caltanissetta, Caltanissetta 93100
338.9478155 mappa Dal Lunedì al Venerdì 09:30-20:00
Home Studio Fisioterapista
Servizi
Fisioterapia Posturologia
Trattamenti
Mezieres Stecco McKenzie Taping neuromuscolare Terapia Manuale Rieducazione Funzionale Terapia Fisica Fibrolisi Meccanica Kinetec Blog Contatti
338.9478155 info@adrianorabiolofisioterapista.it

L'osteoartrosi di ginocchio, trattamento fisioterapico vs cortisone

Blog

26 Maggio 2021 Torna al blog

L'osteoartrosi di ginocchio, trattamento fisioterapico vs cortisone

L’osteorartrosi di ginocchio, rappresenta una delle causa più importanti di disabilità e di dolore al ginocchio in pazienti anziani e non.
Si tratta di una patologia che colpisce soprattutto un target di pazienti anziani, ma non bisogna sottovalutare anche i fattori di rischio che possono facilitare la comparsa della stessa in giovane età. Tra questi:
• familiarità;
• sovrappeso;
• sedentarietà;
• traumi al ginocchio;
• valgismo e varismo.

L’osteoartrosi di ginocchio consiste nell’indebolimento della cartilagine articolare e nel progressivo deterioramento delle altre strutture che lo compongono (menischi, legamenti, tendini e osso subcondrale).




Nella foto si può notare il ginocchio di destra ( alla nostra sinistra) con una rima articolare ridotta e l’osso subcondrale di entrambe le ossa a contatto. La gonartrosi ( altro nome dell’artrosi del ginocchio) provoca nel tempo una progressiva deformità articolare e una limitazione dei movimenti e, come abbiamo detto, limita moltissimo la quotidianità del paziente. La gestione clinica è tipicamente limitata al trattamento dei sintomi fino a quando gli stadi avanzati non portano alla sostituzione del ginocchio. ( protesizzazione). Comunemente utilizzate come trattamento primario per l'osteoartrosi del ginocchio sono le iniezioni intra-articolari di glucocorticoidi, ma ci sono rapporti contrastanti riguardo l'entità e la durata del sollievo dei sintomi con questa terapia. Altro tema da affrontare sono le complicanze derivanti da queste iniezioni, che si verificano raramente ma esistono ed includono infezioni articolari, degradazione accelerata della cartilagine articolare, e fratture da insufficienza subcondrale.

Ma in che modo il fisioterapista può aiutare in tale condizione? Può essere utile nella gestione del dolore e nella riduzione della disabilità? Molteplici studi clinici di trattamenti per l'artrosi del ginocchio hanno suggerito che la fisioterapia dia sollievo dai sintomi a breve e lungo termine, miglioramento funzionale e una ridotta necessità di farmaci antidolorifici, compresi gli oppioidi. Significativo, in merito, è l’articolo di Deyle G.D et al (2020), pubblicato sull’English Journal of Medicine. In questo studio sono stati confrontati gli effetti di una singola iniezione di cortisone versus un ciclo di riabilitazione motoria ripetuta nel tempo in soggetti con osteoartrosi. 156 pazienti con artrosi di ginocchio sono stati reclutati e suddivisi in due gruppi, il primo ha subito un’iniezione di cortisone intrarticolare, il secondo ha effettuato sedute di fisioterapia per rinforzare la muscolatura glutea, pelvica, degli arti inferiori associata a mobilizzazioni articolari e stretching, il tutto ripetuto per tre altri cicli durante i 4 - 9 mesi successivi. L'intervento di terapia fisica, includeva istruzioni e immagini per esercizi da utilizzare a casa. Ebbene… a distanza di un anno lo studio mostrava risultati tangibili migliori a favore del gruppo che ha eseguito fisioterapia. Inoltre, il costo di 3 iniezioni è equivalente alle 8 sedute di fisioterapia erogate.

I risultati di questo studio sono coerenti con quelli degli studi precedenti, il che suggerisce che il miglioramento a breve termine atteso con l'iniezione di glucocorticoidi può essere anche ottenuto con la terapia fisica; tuttavia, gli effetti del trattamento della terapia fisica persistono per un anno. Si può concludere, dunque, che la terapia fisica per l'artrosi del ginocchio ha portato a punteggi assoluti migliori sulle scale di dolore e funzione fisica rispetto all'iniezione di glucocorticoidi a 1 anno. Ciò insegna che, per problematiche con decorso progressivo ,come l’osteoartrosi, è importante concentrarsi su obiettivi a medio e lungo termine, prediligendo il trattamento fisioterapico, che offre risultati duraturi, piuttosto che interventi che puntino ad una breve riduzione del dolore senza offrire reali miglioramenti, come nel caso delle iniezioni di cortisone. Ovviamente questo studio ha dei limiti: ad esempio ha confrontato i due trattamenti come interventi indipendenti e non può essere generalizzato ai casi in cui entrambi gli interventi vengono utilizzati contemporaneamente.

Infine una mia riflessione personale.
Nella mia pratica clinica la collaborazione ed il dialogo con lo specialista ortopedico o fisiatra costituisce un elemento fondamentale nell’inquadramento del paziente con tale problematica e nella gestione del paziente stesso e per tale motivo sarebbe preferibile decidere in accordo con lo specialista e con il paziente il percorso più idoneo alle esigenze del singolo, che possa comprendere entrambi gli interventi o che comprenda solo la fisioterapia.
A cura del Dottor Adriano Rabiolo
Fisioterapista

Bibliografia.
Henriksen M, Christensen R, Klokker L, et al. Evaluation of the benefit of corticosteroid injection before exercise therapy in patients with osteoarthritis of the knee: a randomized clinical trial. JAMA Intern Med 2015;175:923-930.

Physical Therapy versus Glucocorticoid Injection for Osteoarthritis of the KneeGail D. Deyle, D.Sc., Chris S. Allen, D.Sc., Stephen C. Allison, Ph.D., Norman W. Gill, D.Sc., Benjamin R. Hando, D.Sc., Evan J. Petersen, D.Sc., Douglas I. Dusenberry, M.S., and Daniel I. Rhon, D.Sc.

News Precedente
Il mal di testa è una condizione comune, che colpisce il 47% della popolazione mondiale
News Successiva
Manipolazioni vertebrali e rischio correlato: cosa c’e’ attualmente di vero?

Questo sito usa cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Acconsento Privacy Policy