Dott. Adriano Rabiolo Fisioterapista Logo Dott. Adriano Rabiolo Fisioterapista Studio

Terapia Fisica | Dott. Adriano Rabiolo | Fisioterapista

La tecnologia riabilitativa che rigenera i tessuti attraverso l'uso di ENF, Tecarterapia, Elettrostimolatore, Magnetoterapia. Viale Sicilia, 126 Caltanissetta, Caltanissetta 93100
338.9478155 mappa Dal Lunedì al Venerdì 09:30-20:00
Home Studio Fisioterapista
Servizi
Fisioterapia Posturologia
Trattamenti
Mezieres Stecco McKenzie Taping neuromuscolare Terapia Manuale Rieducazione Funzionale Terapia Fisica Fibrolisi Meccanica Kinetec Blog Contatti
338.9478155 info@adrianorabiolofisioterapista.it

Terapia Fisica

Terapia Fisica

ENF - Tecarterapia - Elettrostimolatore - Magnetoterapia

La Terapia Fisica

La tecnologia riabilitativa che rigenera i tessuti attraverso l'uso di ENF, Tecarterapia, Elettrostimolatore, Magnetoterapia.

I tradizionali apparecchi elettromedicali (sia a corrente continua che a corrente Alternata) emettono una forma d'onda invariabile per tutto il tempo di applicazione sul paziente.

L'emissione costante non è solo una caratteristica di elettroterapie diffuse come Tens, Tecar e Radio frequenze ma anche di tecnologie tradizionali e di altra natura come Ipertermia, Crioterapia, Ultrasuoni, Campi Magnetici. Onde d'urto, Laser che, creando adattabilità, hanno spesso uno scarso valore terapeutico o un limitato ambito applicativo.

Enf Terapia

ENF terapia: ricerca del punto e trattamento veloce.

La modalità d'uso di ENF ha un contenuto innovativo molto rilevante. La procedura da eseguire durante la terapia consiste nelle seguenti due fasi:

Ricerca del punto di trattamento

Poiché la pelle è una superficie di proiezione di reazioni bio-elettriche che, in caso di anomalia, modificano l'impedenza, è possibile utilizzare l'ENF in ogni zona del corpo per identificare facilmente tali zone e creare una mappatura diagnostica completa ed esauriente. L'utilità è sorprendente, soprattutto quando la condizione del paziente è complessa ed è necessario un approccio di diagnosi differenziale.

Trattamento di equilibrio Bio-elettrico

Dopo la ricerca del Punto di Trattamento, la seconda fase prevede la scelta dell'effetto terapeutico adatto alla situazione, scelto dall'operatore secondo le condizioni patologiche della struttura anatomica che ha mostrato la reazione anomala. L'ampia disponibilità de effetti terapeutici e la versatilità della terapia ENF porta ad ottenere velocemente risultati di alta qualità in molte patologie.

La salute di una cellula dipende dal suo equilibrio bioelettrico

La cellula umana funziona come un condensatore, che accumula e consuma cariche elettriche mantenendole ad un livello di tensione di circa 70 millivolt. Se un tessuto del corpo è malato o ferito, la tensione in quelle cellule scende di almeno 20 millivolt. Come conseguenza, non viene prodotto abbastanza ATP per alimentare le cellule e le loro funzioni vitali iniziano ad essere compromesse.

Come accelerare la riparazione del danno cellulare?

Quando una cellula di un tessuto elettricamente eccitabile subisce un danno, la sua membrana è sottoposta ad uno stress.
Un tessuto danneggiato ha un livello di attività elettrica troppo basso e per questo la sua capacità di guarigione è inibita (corrente di lesione).
La tecnologia ENF, trasferendo una quantità di energia auto-regolata dal feedback, può agire più velocemente sulla corrente di lesione, integrare l'attività bioelettrica naturale e facilitare i processi di riparazione stimolando la migrazione e la produzione di Fibroblasti.

Il vantaggio qualitativo della tecnologia ENF

La maggiore qualità della tecnologia ENF è di fornire energia ai tessuti danneggiati nella misura richiesta dalla proiezione cutanea dei tessuti stessi. Questa dose variabile di cariche elettriche, più appropriata perché rispondente alle reali necessità del tessuto, è il vero vantaggio dell'ENF terapia rispetto alle tradizionali forme costanti di cessione di energia come le stimolazioni elettriche, termiche, percussive.
Normalizzando i livelli di tensione cellulare, si accelerano i processi di comunicazione bio-elettrica. Ciò significa che ENF può risolvere l'infiammazione di un tessuto agendo sulle cellule e favorire la rigenerazione facilitando l'omeostasi e riducendo sensibilmente il dolore. L' ENF terapia non si limita a lenire i sintomi, ma aiuta l'organismo a guarire più velocemente.

La tecnologia ENF è efficace per diversi tipi di trattamento, tra cui:

Ridurre i processi infiammatori: ■ BORSITI della SPALLA ■ SINDROME DA CONFLITTO ■ TENDINITI
Favorire la rigenerazione dei tessuti molli ■ LESIONI MUSCOLARI E TENDINEE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI ■ DISTORSIONI CAPSULO-LEGAMENTOSE ■ CONTRATTURE MUSCOLARI ■ TRAUMI SPORTIVI ■ RIGENERAZIONE DEI TESSUTI POST-OPERATORIA
Favorire la rigenerazione del tessuto nervoso ■ SINDROMI DA INTRAPPOLAMENTO ■ LESIONI REVERSIBILI DEL NERVO ■ NEUROPATIE
Migliorare la circolazione linfatica e cardiovascolare ■ EDEMI
Ridurre il dolore
Ridurre le calcificazione

Tecarterapia

Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo

La Tecarterapia (Trasferimento Energetico Capacitivo Resistivo) è una tecnica che stimola energia all'interno dei tessuti del corpo, attivando i fisiologici processi riparativi e antinfiammatori. Attraverso una tecnologia all';avanguardia, in breve tempo e senza sofferenza migliora la normale funzionalità dei tessuti.

Dove nasce?

Nata inizialmente per l'utilizzo in ambito sportivo, proprio per la capacità di accelerare i tempi di guarigione e di ridurli del 50%, i suoi effetti positivi hanno fatto sì che la Tecarterapia si sia estesa in altri ambiti.
Si tratta di un metodo di cura semplice e non invasivo che consente di trattare il tessuto biologico in modo innovativo: sollecita fortemente i fisiologici meccanismi cellulari, agendo anche sugli strati più profondi, e inducendo una notevole abbreviazione dei tempi di recupero riabilitativo.
Il fisioterapista una volta individuato l’area da trattare seglie la modalità di trattamento ( capacitiva o resistiva) in base alle caratteristiche intrinseche del tessuto stesso e all’obbiettivo che si prefissa di raggiungere.

La tecar può avere un’azione:

Iperemica: incrementare la circolazione sanguigna generando una vasodilatazione.
Miorilassante: ridurre le contratture muscolari e le rigidità muscolari.
Drenante: facilitare il riassorbimento degli edemi
Antalgica: ridurre il dolore.

Terapie riabilitative delle patologie osteoarticolari

In funzione della problematica da trattare, l'azione può essere prevalentemente mirata alle fasce muscolari, al sistema circolatorio e linfatico, o si può esercitare più in profondità e dunque su tendini, sull’articolazione, sui legamenti, sulle cartilagini e sul tessuto osseo. Il suo impegno è quindi fondamentale nelle terapie riabilitative delle patologie osteoarticolari acute e croniche, per il recupero di distorsioni, tendiniti, borsiti, distrazioni e contusioni muscolari, contratture muscolari (colonna vertebrale), lombalgie acute e croniche, esiti di traumi ossei e legamentosi, dolori articolari di varia natura, come indubbia è la sua utilità nei programmi riabilitativi post chirurgici.

Elettrostimolatore

Terapia fisica per il recupero del tono muscolare a seguito ad un trauma

Gli elettrostimolatori sono dei dispositivi che sono stati ideati per stimolare i diversi fasci muscolari. Questi strumenti servono ad applicare le terapie di elettrostimolazione; esse sfruttano delle correnti elettriche trasferite ai muscoli attraverso dei piccoli conduttori. Queste correnti elettriche generano una contrazione involontaria del muscolo e vanno a stimolarlo in modo simile a quello che avverrebbe con un allenamento regolare.

Casi di utilizzo Possono essere usati sia per il recupero del tono muscolare in seguito ad un intervento chirurgico o in seguito alle conseguenze dell' allettamento prolungato oppure anche in modalità TENS, una tecnica di elettrostimolazione usata con finalità antalgica per contrastare gli effetti del dolore causato dalle più svariate patologie.

Magnetoterapia

Terapia fisica che utilizza i campi magnetici pulsati a bassa frequenza

Gli elettrostimolatori sono dei dispositivi che sono stati ideati per stimolare i diversi fasci muscolari. Questi strumenti servono ad applicare le terapie di elettrostimolazione; esse sfruttano delle correnti elettriche trasferite ai muscoli attraverso dei piccoli conduttori. Queste correnti elettriche generano una contrazione involontaria del muscolo e vanno a stimolarlo in modo simile a quello che avverrebbe con un allenamento regolare.

Casi di utilizzo La magnetoterapia, sfruttando le basse frequenze, può rappresentare una metodica terapeutica di prima scelta specie nella patologia flogistica, traumatica e degenerativa dell'apparato osteo-articolare e muscolo-tendineo.

La magnetoterapia ha effetti biologici tali da:
• indurre un effetto piezoelettrico nelle strutture connettivali (collagene) scompaginate dalla discontinuità ossea;
• determinare l'orientamento strutturale del collagene e dell'osso neoformato e favorire il processo di deposizione calcica con conseguente miglioramento qualitativo del callo osseo;
• aumentare il flusso sanguigno e la pressione di ossigeno locale (ipervascolarizzazione);
• migliorarne il processo riparativo dei tessuti molli (connettivi ed epiteli di rivestimento);

La patologia dell'apparato muscolo-scheletrico rappresenta il campo di applicazione più specifico della magnetoterapia; in particolare quella post-traumatica risponde in modo eccellente a questo tipo di trattamento.

Richiesta Info Trattamento

Per qualunque tipologia di richiesta, compila i campi obbligatori per contattare il fisioterapista. Verrai ricontattato prima possibile.

Questo sito usa cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Acconsento Privacy Policy